Sony QX100 e QX10 presentate all’IFA 2013

9587da77717d4041fd5264c534dfc76dSony QX100 e QX10 presentate all’IFA 2013

Con la sempre maggiore diffusione degli smartphone, che come ho spesso accennato stanno sostituendo la fascia bassa delle fotocamere compatte, era facile immaginare che prima o poi qualcuno ci avrebbe pensato. All’IFA 2013 la Sony ha presentato due fotocamere / obiettivo che si attaccano allo smartphone iPhone o con sistema operativo Android, il Sony QX10 e il Sony QX100.

Questi due obiettivi wireless sono praticamente delle fotocamere compatte complete di tutto tranne che per la mancanza mirino e display: c’è infatti oltre l’ottica, il sensore, l’alloggiamento per la scheda memoria, la batteria ed alcuni controlli ma niente di più: hanno pertanto bisogno di uno smartphone per poter funzionare. Non è però necessario che siano attaccati ad esso, pertanto possono essere utilizzati per autoscatti, scatti remoti ed altre foto creative; è ovviamente disponibile un’App per iOS o Android e possono essere collegati tramite connessione NFC (Near Field Comunication, connettività wireless a corto raggio – sino a 10 cm) o wireless wifi. Vediamo le specifiche:

Sony QX10

3f6044dcaf9eae0ba6752214dc862e3d

  • Sensore CMOS Exmor 1/2.3″ 18.2 MP;
  • lente equivalente 25-250mm con apertura f/3.3-5.9;
  • Stabilizzazione ottica;
  • ISO 100-3200;
  • Velocità otturatore 4-1/1600s;
  • Distanza minima di messa a fuoco (macro) 5cm (1.97″);
  • Controllata via smartphone (connettività WiFi and NFC)
  • Autofocus a rilevamento di contrasto;
  • Possibilità di registrare video a 1440×1080 @ 30 fps;
  • Supporto microSD, microSDHC, microSDXC, Memory Stick Micro;
  • Peso 105g con la batteria (0.23 lb/ 3.70 oz);
  • Dimensioni: diametro 62mm (2.46″), lunghezza 33mm (1.31″);
  • Durata della batteria: 22o scatti;
  • Prezzo 199 €, disponibile a metà settembre.

Di sicuro più interessante, anche se notevolmente più costosa, la versione maggiore,  la Sony QX100 che ha lo stesso sensore della RX100:

Sony QX100

5b144e8ec70724053081921dee591755

  • Sensore CMOS Exmor 1″ 20.2 MP;
  • lente equivalente 28-100mm con apertura f/1.8-4.9;
  • Stabilizzazione ottica;
  • ISO 160-6400;
  • Velocità otturatore 4-1/2000s;
  • Distanza minima di messa a fuoco (macro) 5cm (1.97″);
  • Controllata via smartphone (connettività WiFi and NFC)
  • Autofocus a rilevamento di contrasto;
  • Possibilità di registrare video a 1440×1080 @ 30 fps;
  • Supporto microSD, microSDHC, microSDXC, Memory Stick Micro;
  • Peso 105g con la batteria (0.39 lb/ 6.31 oz);
  • Dimensioni: diametro 63mm (2.46″), lunghezza 56mm (2.19″);
  • Durata della batteria: 22o scatti;
  • Prezzo 449€, disponibile a metà settembre.

500x375xSony-QX10.jpg.pagespeed.ic.AYJz4-Ftjh

Cosa dire? Di sicuro l’idea è buona, anziché portare Android sulla fotocamera come è stato fatto in alcuni casi, porto una fotocamera sullo smartphone; è però tutto da valutare il successo che potranno avere sul mercato, per molti motivi:

  • Manca un flash;
  • Sono costose, soprattutto nella versione più interessante, la QX100; teniamo a mente che c’è bisogno anche di uno smartphone e l’iPhone 5 da 16 GB viene 719 €: in totale ho una spesa di quasi 1.200 €. Ma anche considerando il prezzo del singolo obbiettivo, posso comunque prendere qualcosa a molto meno – la mia Canon EOS M l’ho pagata la metà, per esempio..
  • Gli smartphone hanno comunque già una loro fotocamera integrata; per esempio il Nokia Lumia 1020 ne ha una con ottica Zeiss e 41 MP. Magari questi obiettivi saranno migliori, ma vale la pena una spesa di minimo 199 €?
  • Con un obiettivo a parte, viene meno il principale vantaggio degli smartphone, la loro immediatezza e portabilità: se ho bisogno alla fine di qualità, prendo una reflex o una mirrorless, se invece devo avere qualcosa di leggero da portare dietro, mi basta lo smartphone.

 

Vedremo la reazione del mercato. Pubblico sotto il video di presentazione dei due obbiettivi:

Rispondi