Negativi ritrovati in Antartide risalenti al 1917

antartide

Negativi ritrovati in Antartide risalenti al 1917

Durante una recente spedizione in Antartide, gli esploratori dell’Antartic Heritage Trust hanno ritrovato in una capanna una scatola contenente 22 negativi congelati in un blocco di ghiaccio; la particolarità è che questi negativi – esposti ma non sviluppati – risalgono al 1917, pertanto quasi 100 anni fa.

Il team dell’ Antarctic Heritage Trust (NZ) li ha scoperti all’inizio di quest’anno in un angolo di una delle capanne “magazzino” che Robert Falcon Scott utilizzo durante la sua spedizione verso il Polo Sud dal 1910 al 1913; sebbene abbia poi raggiunto il Polo, Scott e i membri della sua spedizione sono morti durante il viaggio di ritorno per il freddo estremo e per la mancanza di cibo.

La capanna è quindi stata utilizzata da una seconda spedizione guidata da Sir Ernest Shackleton, il Ross Sea Party, che è durata dal 1914 al 1917: si pensa appunto che i negativi siano stati lasciati da questa spedizione ed in particolare il fotografo potrebbe essere Arnold Patrick Spencer-Smith, il fotografo “ufficiale”.

Anche questo gruppo non ha avuto molta fortuna, in quanto sono stati salvati dopo che tre dei loro componenti sono morti, tra cui lo stesso Spencer Smith; in ogni caso la scoperta è eccezionale e così anche il fatto che i negativi si siano conservati sino ai nostri giorni, anche se ovviamente c’è stato bisogno di un lungo lavoro di restauro.

Il direttore dell’Antartic Heritage Trust, Nigel Watson, ha sottolineato l’eccezionalità dell’evento, dicendo:

È il primo esempio di cui sono a conoscenza di negativi non sviluppati da un secolo, risalenti all’epoca delle eroiche esplorazioni antartiche. Non sono disponibili molte immagini di quelle spedizioni.”

A dimostrazione di ciò, è interessante visitare anche la pagina Facebook dell’Antartic Heritage Trust, che ha pubblicato le foto nel corso dell’ultimo mese un poco alla volta.

comunicato stampa | link

sito | Antartic Heritage Trust

fonte | Imaging Resources

Rispondi