Presentata da Canon la nuova Canon 6D: considerazioni e confronto con la Nikon D600

Come anticipato qui, Canon ha presentato oggi la nuova full frame economica Canon 6D, che sarà disponibile al pubblico da Dicembre 2012 al prezzo di 2.100$, come la Nikon D600.

Di seguito le caratteristiche principali:

  • Full Frame Economica da 20,2 MP;
  • Gamma ISO nativa di 100-25.600 (espandibile a 50-102.40);
  • Raffica 4,5 fps;
  • Wifi e GPS incorporato;
  • Sistema AF a 11 punti;
  • Processore DIGIC 5+;
  • Video HD 1080p;
  • Mirino con copertura 97%;
  • Modalità e funzioni avanzate di cattura, come HDR, Silent Drive, livella elettronica ad asse singolo;
  • Corpo in parte in lega di magnesio, sigillato contro polvere e condensa;
  • Dimensioni: 144,5 x 110,5 x 71,2 millimetri per 770 g4 di peso, rendendo la EOS 6D la più compatta reflex digitale full-frame EOS mai prodotta;
  • Schermo LCD da 3″ da 1.040.000 punti;
  • Nessun flash integrato;
  • Supporto memorie SD;

Come vediamo sopra, le specifiche sono quelle trapelate già ieri, quindi nulla di nuovo; Canon doveva rispondere alla mossa della Nikon con la sua Nikon D600, che però esce tre mesi prima salvo ulteriori ritardi della Canon. Sembra quasi una mossa marketing per evitare di perdere quote. Vediamo se è una scelta vincente o meno e come la Canon 6D si va a piazzare nella gamma Canon.

Vediamo in dettaglio i pro e i contro a mio avviso:

  1. ho 11 punti di messa a fuoco, di cui solo uno a croce (!): veramente poco per una full frame, poco di più della 5D Mark II e nulla in confronto ai 61 punti della 5D Mark III, ma anche rispetto ai 19 della 7D o ai 39 della D600;
  2. il corpo è solo parzialmente in lega di magnesio e non è tropicalizzato; è più leggero della 7D, e quest’ultima è tropicalizzata con corpo in lega di magnesio;
  3. non ha il flash incorporato: pur non essendo una full frame professionale non ha il flash; quindi dovrò girare con il 430EX II o 580 EX II per il flash di riempimento;
  4. manca il joystick per selezionare i punti AF;
  5. ho meno MP della D600 (20 contro 24);
  6. ho in più wifi e GPS rispetto a quest’ultima.

Riepilogando dunque sembra più un’evoluzione full frame della Canon 60D che non della 7D o 5D Mark II: queste ultime sono migliori in molti aspetti e soprattutto la 7D, se tralasciamo la parte full – frame / APS-C ha specifiche migliori. Probabilmente Canon per contenere il prezzo di uscita ha dovuto tagliare dove possibile, uscendo con un lavoro a mio avviso fatto a metà. Il prezzo stesso è alto, considerando che a livello di specifiche, la Nikon D600 la batte in quasi tutto.

A questo punto non so cosa ne pensate voi, ma io la mia Canon 7D me la tengo ben stretta e inizio a mettere da parte i soldi per la Canon 5D Mark III..

Per chi volesse approfondire, ecco il link al sito Canon: Canon 6D.

Immagini Campione: link

Sotto una galleria fotografica:

6 thoughts on “Presentata da Canon la nuova Canon 6D: considerazioni e confronto con la Nikon D600

  1. Condivido in gran parte quanto scritto dall’autore, anche se la mancanza di un flash incorporato non mi pare un dramma, visto la luce bruciata e l’ombra dei paraluce che escono fuori nella maggior parte degli scatti, prevedendo la buona gestione agli ISO alti dei Digic 5.
    Aggiungo che si potevano degnare di mettere un vero sensore FF e non uno leggermente risicato di qualche millimetro, ora risparmiano anche sui wafer al silicio.
    E il sistema MF poteva essere almeno leggermente superiore ad una 7D come punti di messa a fuoco.
    La D600 mi sembra nettamente superiore, Canon poteva risparmiarsi questa presa in giro, ben venga la Mk2 usata o la Mk3 a rate.

  2. secondo me vi sbagliate, siamo tutti bravi a giudicare un prodotto ancor prima che venga messo sul mercato, io a distanza di tempo, posso dire di avere avuto il piacere di utilizzare entrambe le macchine, e devo ammettere che entrambe sono eccezionali, sfornano file nitidissimi con colori stupendi, reggono gli alti iso ad un livello impressionante.. la mia mark2 gia dopo i 3200 iso si vede la grana, questo comporta a l’utilizzo di obiettivi sempre più luminosi e costosi, con la 6d ci si può spingere anche a 6400 che il rumere è quasi inesistente.

  3. in realtà la parte superiore non è in magnesio per permettere il funzionamento del GPS.
    io ci tengo una easy cover come protezione in più, che per chi lavora nei locali è più che sufficiente già da sola. Resta il fatto che devono essere tropicalizzate anche le lenti.

Rispondi